Archive for the 'Seriosità' Category

L’Hard-Disk esterno che non permette di condividere Mp3, Wma, DivX..in rete

L’hard disk esterno da 1 TeraByte Mybook della Western Digital non permetterà di condividere i file multimediali in rete, la pagina web di presentazione del prodotto parla chiaro:

“Poichè non possiamo controllare che i file siano o meno effettivamente protetti da copyright, i più comuni tipi di file audio e video non potranno essere condivisi in rete con altri utenti che utilizzano WD anywhere access”

Non importa che file siano, se provi a condividere un formato qualsiasi tra MP3, DivX, AVI, WMV e Quicktime files , la Western Digital presuppone che tu sia un criminale. Il tutto è possibile grazie ad un software, WD anywhere access, il quale, come spiegato su tecnoscoop:

“E’ un software che consente l’accesso remoto ai contenuti memorizzati sul disco fisso. Anche quando siamo lontani da casa o dall’ufficio sarà sempre possibile accedere ai dati conservati sul MyBook WE quando abbiamo a disposizione un collegamento a Internet. Continua a leggere ‘L’Hard-Disk esterno che non permette di condividere Mp3, Wma, DivX..in rete’

Il pulsante “Mi sento fortunato” costa a Google circa 110 milioni di dollari l’anno


Ti senti fortunato?
Google probabilmente si.
Il fondatore di Google Sergey Brin ha annunciato su Marketplace che circa l’1 percento delle ricerche di Google passa attraverso il pulsante “Mi Sento Fortunato
Poichè il pulsante reindirizza l’utente direttamente al primo risultato della ricerca, Google non mostra gli Ads relativi a quelle parole chiave per l’1% delle sue ricerche.
Questo giochino costa a Google circa 110 milioni di dollari l’anno, a detta di Sergey Brin in persona.
Ma allora perchè non tolgono definitivamente?
Marisa Mayer, vice presidente di Google e responsabile del settore ricerche, ha cercato di spiegarlo in questo modo:

“Non vogliamo dare l’idea di essere una azienda troppo legata ai soldi, al guadagno. Penso che ‘Mi Sento Fortunato’ abbia una funzione ben precisa, ti ricorda che dietro Google ci sono persone reali”

Non penso che Google si faccia tanti problemi per 110 milioni di dollari, che saranno mai 😉

Uno scherzo sul web si trasforma in tragedia, si impicca a 13 anni.

Questo post tratto da dishablog mi ha fatto riflettere:

“Non sopportava più il peso degli insulti che riceveva via internet dalle vicine che si spacciavano per un amico e così si è impiccata a 13 anni. Solo dopo la morte i genitori hanno scoperto che Josh, il coetaneo con cui da tempo dialogava, non esisteva, ma erano la madre di una sua compagna di scuola e la figlia. Il gesto estremo dopo frasi come “Megan Meier è una puttana”, “Megan Meier è grassa”. Non esiste una legge per punire le responsabili”

Vi invito a meditare sugli autori di questo scherzo  “La madre e la figlia

Sicuramente sarà stato un gesto estremo.
Sicuramente la ragazza che si è impiccata aveva altri problemi ben più gravi.

Ma vale davvero la pena scherzare con i sentimenti della gente in questo modo?
Ma soprattutto..a che scopo?

Il problema non è internet.
Il problema è la gente.

Bruno Vespa su Internet: “Un mondo spaventoso e pieno di violenza”

Vi lascio alla visione del video:

Secondo me sono solo preconcetti, nati in seno agli ultimi eventi di cronaca, in Finlandia, dove uno studente ha ucciso nove persone, annunciando il massacro su YouTube, e l’omicidio di Meredith, e i rapporti che questa persona tesseva tramite internete e tramite un blog.
I soliti servizi scarsamente informati e di parte che tentano di spaventare la popolazione e scatenare censure.
Quella che dico io è:

Se come da te stesso ammesso conosci poco l’argomento, perchè ti ostini a parlarne e a criticare? 

Microsoft sempre più in crisi – L’inizio di un declino già da tempo annunciato?

Ultimamente si sta muovendo molto nel campo dell’informatica, a partire da Google fino ad arrivare alla Apple, passando per il frenetico sviluppo dell’OpenSource.

L’unica azienda che in questo momento sta vivendo una situazione di stallo è proprio la Microsoft.
Pur essendo stata più volte criticata per la sua politica a tratti “scorretta” e monopolizzatrice,  fino ad oggi ha svolto un ruolo fondamentale nello sviluppo e nella diffusione dell’informatica a livello mondiale e ora sta vedendo piano piano diminuire la propria autorità a scapito di aziende che stanno conoscendo il loro momento di “splendore” (vedi Google) e a scapito della diffusione sempre maggiore dell’ OpenSource tra l’utenza meno esperta.


Un esempio lampante può essere la diffusione di Firefox, che oramai ha risucchiato un ottima fetta di popolarità a Internet Explorer, detenendo il 30% circa del browsing mondiale, e sembra che questa cifra sia destinata solamente ad aumentare.
Anche i sistemi operativi OpenSource stanno riscuotendo un ampio successo, e alcune aziende stanno muovendo i primi passi verso la commercializzazione dei computer con un sistema Linux.

Alcuni identificano le cause di tutto questo soprattutto nel lancio del nuovo sistema operativo di casa Microsoft, Windows Vista, che molti bollano come “Semplicemente Vergognoso“.
Le aspettative di Microsoft non sono state per nulla soddisfatte. Si pensava ad un sistema operativo rivoluzionario sotto tutti i punti di vista, che avrebbe addirittura cambiato la concezione di “Computer”, ma di rivoluzionario a dire la verità c’è stato ben poco. La maggior parte delle novità inserite esistevano già da tempo in altri sistemi operativi, ed erano state ormai consacrate come peculiari, Vista è stato così visto come un “misto”, un sistema operativo senza una propria dignità.
A questo si aggiunge il prezzo della licenza, che pare esagerato per alcune versioni, e l’eccessiva richiesta hardware, che ha spinto molti utenti a non cambiare da Xp a Vista e soprattutto ha spinto i produttori a sperimentare sistemi operativi OpenSource sulle proprie macchine, per trarre il massimo guadagno dalle vendite.

Dal canto suo Microsoft che sta facendo?
Niente.
Anzi, qualcosa fa, critica in modo aspro tutto ciò che le accade intorno:
“l’iPhone della Apple avrà nessun successo”
“Microsoft non ha niente di meno di Google”
“il lancio di Android (da Google) è solo una operazione di PR (una “press release”, un comunicato stampa)”
“L’OpenSource non avrà futuro, l’interesse a guadagnare avrà la meglio su tutto”

Ovviamente queste dichiarazioni hanno molto poco di veritiero, Microsoft dovrebbe mirare a innovarsi, a darsi una smossa, e invece è una società a cui tutti guardano con attenzione non per quello che fa ma per quello che NON fa.
Dovrebbe prendere esempio da Google, è un colosso ma sa muoversi come un pesce in acqua.
Non c’è storia, sa dove puntare per coniugare profitto e innovazione tecnologica.

Nonostante abbia più volte criticato Windows e la Microsoft, spero che Gates e Ballmer abbiano qualcosa in testa per cambiare la situazione.
Forse il tempo del monopolio sta finendo, e si devono adottare nuove strategie.

Il peggiore costume di halloween per bambini, il peggiore di sempre.

Sarà anche una festa, sarà anche un semplice costume..ma secondo me non c’è da scherzare su queste cose.

Non penso di dovervi ulteriori spegazioni..

Che Vergogna.

Solo in Italia può essere pensata una cosa del genere.

Una legge che mette il bavaglio ai blog e ai siti internet.

La legge Levi-Prodi prevede che chiunque abbia un blog o un sito debba registrarlo al ROC, il “registro dell’Autorità delle Comunicazioni”, produrre dei certificati, pagare un bollo, anche se scrivi senza fine di lucro, per il gusto di farlo, e parli di argomenti completamente estranei alla politica.

” Anche Internet, quindi, entrerebbe a pieno titolo nell’orbita delle norme penali sulla stampa. Ne può conseguire che ogni sito, se tenuto all’iscrizione al ROC, debba anche dotarsi di una società editrice e di un giornalista nel ruolo di direttore responsabile. Ed entrambi, editore e direttore del sito, risponderebbero del reato di omesso controllo su contenuti diffamatori. Questo, ai sensi degli articoli 57 e 57 bis del codice penale. “

Il disegno di legge è stato approvato in Consiglio dei ministri il 12 ottobre. Nessun ministro si è dissociato.

Spero davvero che non passi mai, sarebbe motivo di derisione da parte di tutto il mondo, una censura bella e buona, vietare la libertà di pensiero e di parola, ma dove viviamo?

è assurdo.

Fortunatamente la notizia ha fatto un gran clamore in internet, se ne parla un po ovunque, il primo sito a divulgare la notizia è stato PuntoInformatico, seguito da Repubblica.it e da Beppe Grillo, interessante quest’ultimo articolo, nel quale si invita a inviare una mail a Ricardo Franco Levi.
Inoltre sono nate due petizioni ,Salviamo Internet, e “No al ddl.. per cercare in qualche modo di opporsi a tutto questo.
che aspetti a firmare?


Nuovo Blog! Click!

My E-mail

Pubblicato sotto licenza Creative Commons

Giusto per chiarire

Questo blog non è un essemmesse!

Who’s amung

visitor stats

Click!

Visitor’s Location

Flickr Photos

seroban's photos

seroban's photos

seroban's photos

seroban's photos

seroban's photos

Altre foto
maggio: 2017
L M M G V S D
« Apr    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Del.icio.us