Ecco i 7 miti da sfatare in campo medico

Da qualche giorno si è conclusa una ricerca condotta da 2 medici americani, che aveva come obiettivo quello di analizzare ed eventualmente affermare la veridicità o l’inesattezza di alcuni “miti” largamente diffusi tra la gente.
I risultati sono stati chiari e precisi, e hanno dato ragione al professor Aaron Carroll, assistente di pediatria al Regenstrief Institute di Indianapolis e alla ricercatrice Rachel Vreeman, che si occupa di salute del bambino alla Indiana University School of Medicine, da sempre convinti che in giro ci sia troppa cattiva informazione.

Ecco le sette “leggende” sfatate dai ricercatori:

Bere otto bicchieri d’acqua al giorno toglie il medico di torno. Non c’è bisogno di bere tanto per mantenersi in salute. Non esiste una sola prova registrata dall’American Journal of Psychology su questo argomento.

Leggere a luci basse rovina la vista. Secondo la maggioranza degli esperti non dovrebbe causare danni permanenti ma, nel peggiore dei casi, solamente problemi di messa a fuoco.

Radersi col rasoio fa crescere i peli più spessi. Chissà quante volte le ragazze si sono rifiutate di usare il rasoio, la famosa “lametta”, per il terrore di veder poi crescere la “barba” sulle gambe, e si sono sottoposte a lussuriosi trattamenti a base di ceretta.
La rasatura invece, secondo gli studi dei ricercatori americani, non avrebbe alcun affetto sullo spessore e la frequenza della ricrescita.

Mangiare tacchino fa venire sonno. Ecco un altro dei luoghi comuni più gettonati, specialmente nei paesi di tradizione culinaria anglosassone. Persino il dottor Carroll e la dottoressa Vreeman all’inizio ci credevano. La carne di questo animale contiene infatti un amminoacido chiamato triptofano, coinvolto nel controllo del sonno. Ma non in quantità superiore a quella contenuta nel pollo e nella carne trita. Le cause della sonnolenza sono molto più probabilmente dovuete alle grandi abbuffate natalizie.

L’essere umano utilizza solo il dieci per cento del proprio cervello. Questa “leggenda medica” si è diffusa intorno al 1907, ma dalle analisi effettuate non risulta che ci siano parti del cervello inutilizzate.

Unghie e capelli continuano a crescere anche dopo la morte. Questa convinzione trae forse origine dai racconti macabri. In realtà, come hanno spiegato gli stessi ricercatori, sembra che le unghie continuino a crescere anche dopo la morte in quanto la pelle si ritira e le rende più visibili.

Bisogna spegnere i cellulari negli ospedali. L’ultimo dei “falsi miti” è quello della dannosità dei cellulari sulle apparecchiature mediche degli ospedali. Nonostante i timori diffusi, gli studi hanno riscontrato interferenze minime se non nulle con l’equipaggiamento medico.Conclusioni.

I due medici hanno lanciato un monito verso i Media e verso i loro colleghi che pubblicizzano questi falsi miti, non c’è nulla di peggio che continuare a diffondere notizie che non hanno nessun fondamento.

Inoltre mi permetto di aggiungere:

Non è vero che strappando un capello bianco da testa ne cresceranno due, ma lasciando li il capello ne crescerà comunque un altro. 😀

Advertisements

0 Responses to “Ecco i 7 miti da sfatare in campo medico”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Nuovo Blog! Click!

My E-mail

Pubblicato sotto licenza Creative Commons

Giusto per chiarire

Questo blog non è un essemmesse!

Who’s amung

visitor stats

Click!

Visitor’s Location

Flickr Photos

seroban's photos

seroban's photos

seroban's photos

seroban's photos

seroban's photos

Altre foto
dicembre: 2007
L M M G V S D
« Nov   Gen »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Del.icio.us


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: