(Ir)rilevanti Curiosità #1

Apriamo questa nuova rubrica, la prima ed unica per ora, con l’intento di raccogliere domande&risposte, dubbi, stranezze..più in generale curiosità, trovate in giro qua e la..(prego notare la rima)

Perchè Google si chiama così?

Per indicare l’impressionante quantità di dati gestita da questo motore di ricerca, i due giovani studenti californiani Larry Page e Sergey Brin, nel lontano 1998, decisero di prendere il nome Google (pronuncia “gugol”) dal termine matematico “googol” che indica una cifra impronunciabile:
1 seguito da 100 zeri

Grazie all’algoritmo inventato da Larry Page, il tanto contestato/benvoluto PageRank, Big G passa in rassegna per ciascuna delle oltre 350 milioni di richieste giornaliere, piu di 4 miliardi di pagine web, restituendo un elenco indicizzato, in base alla rilevanza, in pochissimi secondi.

Quanti pensieri può concepire la nostra mente?

Una stima del 600, dello studioso britannico Robert Hooke, affermava che la nostra mente può contenere 3.155.760.000 idee distinte.
Questa è stata in seguito smentita, secondo recenti studi comparsi sulla rivista New Scientist, la stima più realistica si aggirerebbe intorno a:
10 elevato a 80.000.000.000.000 che equivale a 1 seguito da 80 miliardi di zeri (pensiero + pensiero – ), un numero enormemente più grande perfino di tutti gli atomi contenuti nell’universo.
Il calcolo è stato fatto in base a tutte le possibili connessioni neuronali, considerando che il cervello contiene circa 10 miliardi di neuroni e che ogni neurone ha circa un migliaio di estensioni ( i dendriti), che lo connnettono ad altri mille.
Semplice no?

Se si potesse andare in auto più veloce del suono, si sentirebbe la radio?


Ecco un altro quesito di fondamentale importanza, la risposta è..
Si, purchè non si tratti di una decappottabile.
Infatti, anche viaggiando ad una velocità superiore a quella del suono (oltre i 1200 km/h), l’aria all’interno dell’abitacolo, la radio, il guidatore e i passeggeri si troverebbero comunque fermi l’uno rispetto all’altro, muovendosi tutti insieme.
Le onde sonore si propagano quindi senza troppi problemi attraverso il mezzo (l’aria) come se il veicolo fosse fermo.
Se l’auto fosse scoperta invece, non potremmo sentire la radio, le onde sonore verrebbero emesse sempre alla velocità del suono ma l’aria “resterebbe indietro”; i viaggiatori coprirebbero nella stessa unità di tempo una distanza maggiore di quella percorsa dalle onde sonore, che non riuscirebbero mai a raggiungerli.

Advertisements

0 Responses to “(Ir)rilevanti Curiosità #1”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Nuovo Blog! Click!

My E-mail

Pubblicato sotto licenza Creative Commons

Giusto per chiarire

Questo blog non è un essemmesse!

Who’s amung

visitor stats

Click!

Visitor’s Location

Flickr Photos

seroban's photos

seroban's photos

seroban's photos

seroban's photos

seroban's photos

Altre foto
ottobre: 2007
L M M G V S D
« Ago   Nov »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Del.icio.us


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: